Quotidiano di informazione campano

Sorbillo, bomba carta davanti alla storica pizzeria di Napoli.

L’attentato avvenuto stanotte alla pizzeria di Gino Sorbillo a Napoli «è un segnale preoccupante, non ho elementi per dire quale è l’origine di questo attacco ma non ci vuole molto per farsi delle ipotesi. Dobbiamo avere gli occhi aperti, in generale sui temi della sicurezza, in particolare sull’evoluzione di fenomeni delinquenziali nella città di Napoli». Lo ha detto il presidente della giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca. Il governatore a margine di un evento al Cardarelli ha espresso «solidarietà al gestore della pizzeria», aggiungendo che «non sono in grado di dire che ricaduta ha una fase di crisi di dieci-quindici anni sulla riorganizzazione delle bande criminali e camorristiche che abbiamo nella città di Napoli, ma sono episodi che non possono non preoccupare. Teniamo alta la guardia».

De Luca, rivolgendosi «al mondo del commercio, delle professioni, delle imprese», ha detto che «chiunque abbia sentore di pressioni, intimidazioni o ricatti si rivolga alla magistratura e alle forze polizia immediatamente perché non possiamo consentire il riemergere di fenomeni delinquenziali che sporcano l’immagine della città, tolgono serenità agli operatori economici e allontanano gli investitori dai nostri territori»

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.