Ce penza mammà. Magari fosse possibile. Magari potesse indirizzarci alle giuste decisioni in vita, ma anche quando non cè più. Magari venendoci in sogno per asciugarci una lacrima o condurci per mano dove è possibile scorgere un po di felicità. Quante cose si fanno in nome di Mammà!?!. Tante di queste, esilaranti eppur significative,  figurano nella commedia in due atti messa in scena dalla Compagnia Omega di Cercola, del m° Francesco Amoretto il quale, oltre ad esserne fondatore e regista, ne impersona anche il ruolo di validissimo attore. <?xml:namespace prefix = o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

 

Palcoscenico il teatro/Auditorium di Saviano (Na) in occasione della IX rassegna teatrale intitolata allillustre cittadino della Città del Carnevale, Carmine Mensorio. 

 

E stato senza alcun dubbio un bel successo di pubblico e di gradimento alla presenza delle massime autorità politiche della cittadina dellagro nolano. Tra essi ricordiamo il primo cittadino anche consigliere regionale lon. Carmine Sommese ed il suo vice, con delega di assessore alla Cultura, il dr. Francesco Iovino.

 

Uno spettacolo che ha divertito i numerosissimi intervenuti, benché latmosfera non era di quelle più semplici, per la dipartita – circa  venti giorni prima – della moglie dellAmoretto, la sig.a Rosaria Rizzo,  che, tra laltro, figurava nel cast con compiti di factotum.

 

Poteva essere rinviato lo spettacolo, ma nessuno ha voluto! Ne i familiari, ne gli stessi attori che si erano rimessi alla volontà di chi aveva il cuore a pezzi e la mente altrove.

 

Alla fine fantastici tutti! A cominciare dalla veterana Liana Gallo che, entrando in teatro dal settore dedicato al pubblico, ha voluto dedicare alla compianta Rosaria lappropriatissimo  brano classico napoletano  Tu si  na cosa grande emozionando ed emozionandosi alla pari di Rosy Casalini che, rivolgendosi alla splendida figura di Francesco Amoretto, ha coinvolto tutti nellesibizione del brano portato al successo da Lucio Battisti: Io vivrò quando solo le mani battevano e quel nodo alla gola non riusciva a scendere.

 

Poi tutti in scena – Francesco Amoretto, Liana Gallo, Antonella Montanino, Raffaella Rocco, Alessia Battaglia, Anita Cristiano, Rosy Casalini, Stefano Gallo, Andrea Liguori, Mario Borrelli, Pasquale Cozzolino, Olga Imperatore  con la Morte nel Cuore, ma con lindubbia professionalità e bravura già riscontrata nelle migliori occasioni di ben trentacinque anni di palcoscenico. Anzi, con in più la crescita artistica di tanti giovani del solido gruppo cercolese.

Senza voler essere frainteso e considerato irriguardoso, ma per lintensità mostrata da ognuno, come ulteriore personale omaggio,  mi sono saltate in mente le fantastiche note, accompagnate da voce tenorile, di Ridi Pagliaccio evidenziando che combattere per la vita, in casi come questi, può significare esorcizzare la morte!

 

Quella stessa vita che riversa i suoi contenuti nei giorni che inesorabilmente trascorrono a piacimento della sorte, per ingrata che sia! E quale forma darte più consona, se non quella teatrale, appare più indicata per individuare il momento per sviscerare sullassurdo dolore della morte una valanga di risate?!?  Teatro che nelle sue varie espressioni è  commedia, tragedia, dramma, forma satirica commedia dellarte e chi più ne ha più ne metta per suggellare nellanima, nella voce, nei movimenti, tutta la devozioni di cui un essere umano può essere capace per infondere un fremito collettivo.

 

Ed è così che quel gigante maligno che sovrasta la nostra esistenza, che ci porta al crudele distacco, viene sconfitto, ridotto in poltiglia da chi della propria forza interiore ne fa unarma vincente. 

 

Ed anche se dietro la porta rimane in agguato quel vuoto a cui non eri abituato e che nessun mortale potrà mai colmare; anche se la stanza della quotidianità stravolta  appare inaridita al tuo sguardo che non cancellerà facilmente quella dolce ed amorevole immagine caro Francesco, continua ancora a  stupirci con la tua arte di teatrante intesa nel termine più dignitoso e nobile del termine.  

 

Le mille sfaccettature di una vita non potevano in nessun modo essere annebbiate in 20 giorni. Ne forse giammai  smetteranno di gocciolare le nubi del cuore. Ma a venirti in soccorso ci sarà  quellattimo vestito deternità che deriva da uno sguardo da lassù, in tutto il suo amore, in tutta la sua intensità.

 

Grazie Francesco per essere salito su quel palco. Grazie a te e alle Voci della tua Omegache hanno saputo stringersi a te, al tuo ed al loro dolore, con dignità e nel modo in cui tu gli hai insegnato: Recitando! Col cuore, prima di mettere in scena la loro perizia artistica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com