Quotidiano di informazione campano

STUDENTI DEL LICEO “E. MEDI” DI CICCIANO (NA) LANCIANO UN APPELLO ALLA SOLIDARIETÀ:“io adotto Vaslav”

0

Carissimi ragazzi,

alla nostra età è più facile essere generosi, è più facile essere meno corrotti, è più facile rinunciare a qualcosa di banale per aiutare un’altra persona.

Ci hanno sempre considerati la terra degli affetti, la terra dei ‘’siamo tutti fratelli’’ e dobbiamo continuare ad esserlo.

Tutti  abbiamo il diritto ad una vita perlomeno dignitosa.

Lo scorso 17 Marzo, ben sei ragazzi di Nola hanno aggredito e massacrato  Vaslav Briza detto “Sasha” − un senzatetto, 40enne, immigrato dalla Repubblica ceca − riducendolo quasi in fin di vita. Oggi Vaslav è vivo, ma  per miracolo e si ritrova fratture sparse per tutto il corpo. Difficilmente potrà svolgere un lavoro. Prima ha lavorato in Irlanda, in altri paesi europei e poi in Italia.

Vaslav si ritrova attualmente per strada, vive di elemosina e non ha nulla se non il proprio cane.

Diversi alunni del liceo Enrico Medi di Cicciano hanno avuto l’opportunità di conoscere direttamente Vaslav in un incontro a scuola sulla solidarietà verso i poveri, i senzatetto, gli immigrati. Hanno relazionato in quell’occasione alcuni volontari appartenenti alla “Comunità Sant’Egidio di Nola” che si è costituita come Associazione “Preghiera Poveri Pace”.

La situazione ha colpito i nostri cuori, vorremmo “adottare” Vaslav, con un contributo mensile.

Noi possiamo fare ben poco individualmente, ma è l’unione che fa la forza!

Invitiamo quindi tutti gli studenti del Liceo Medi a contribuire e a rivolgersi a Rossella Almavilla e/o Rossella Natale.  Invitiamo inoltre tutte le persone che intendono essere solidali con Vaslav a versare un contributo libero sul conto corrente intestato a: Associazione Preghiera Poveri Pace, IBAN: IT53M0359901899050188533193, indicando la causale: Io adotto Vaslav.

 

Gli studenti

Rossella Almavilla

Spera Marilisa

Rossella Natale

Carmine De Stefano

Francesco Picciocchi

Dario Luciano

Fabio Montanaro

Luigi Orlandino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.