Quotidiano di informazione campano

Svizzera, terrore sul treno un 27 enne accoltella sei persone

0

Nel tranquillo e pacifico cantone svizzero di San Gallo, vicino al confine con Austria e Lichtenstein, un cittadino elvetico di 27 anni, armato di coltello e di liquido infiammabile, ha seminato terrore e sangue a bordo di un treno, lasciandosi dietro sei feriti, fra i quali un bimbo di soli sei anni, prima di essere ferito a sua volta, arrestato e scortato in ospedale. Alcuni dei feriti, si è appreso, sono in gravi condizioni. E sulla Svizzera per qualche ora è balenato lo spettro del terrorismo islamico: ‘spettro’, perché per ora le informazioni seppur sono scarse – non sono stati resi noti né l’identità né le motivazioni – escluderebbero moventi politici o religiosi. Anzi, come sembra trapelare su alcuni media da fonti dell’inchiesta, potrebbe trattarsi un gesto “passionale”: l’obiettivo dell’uomo, secondo questa ipotesi, sarebbe stato una donna, che è fra gli ustionati.

L’attacco è avvenuto sulla tratta ferroviaria St. Margarethen-Sargans, mentre il convoglio si avvicinava alla stazione di Salez, alle 14:20. L’uomo, che aveva con sé del non meglio precisato liquido infiammabile, lo ha versato fra i passeggeri, dandogli fuoco, infierendo poi con un coltello. Gli altri sei feriti, oltre al bambino di sei anni, sono due adolescenti, ragazzo e ragazza, di 17 anni, un 50enne e due donne di 34 e 43 anni, secondo le primissime informazioni diffuse dalla polizia elvetica e diffuse dall’agenzia Aps. La procura di San Gallo ha aperto un’inchiesta penale e sul posto dell’aggressione i soccorsi sono giunti in forze, con tre elicotteri e tre ambulanze. I danni al treno sono stimati in 100.000 franchi.

Ogni pista, comunque, al momento resta aperta. Compresa quella terroristica. La Svizzera finora non è mai stata ‘toccata’ da nessuno dei tragici attacchi che hanno colpito l’Europa. Ma l’episodio di oggi sul treno ha riportato alla mente i precedenti: il 21 agosto del 2015 in Francia un marocchino di 25 anni, ha provato a sparare sui passeggeri del treno Thalys, nel dipartimento nord-orientale di Pas-de-Calais, ferendone alcuni prima di essere bloccato da altri passeggeri. La polizia, sebbene il ragazzo neghi, pensa si tratti di terrorismo islamico. Che invece è ben evidente nel gesto suicida del 17enne rifugiato afghano, che voleva “vendicare” la morte di un amico sotto le bombe in Afghanistan, e che il mese scorso ha attaccato con un coltello i passeggeri di un treno a Wuerzburg, in Germania, prima di venire ucciso dalla polizia.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.