Quotidiano di informazione campano

Teatro Italia Acerra, in scena Sergio Assisi in “L’Ispettore Drake e il delitto perfetto”

0

Giovedì 19 gennaio, alle ore 20,30, al teatro “Italia” di Acerra, per il quarto appuntamento della rassegna teatrale, ci sarà l’attore e regista napoletano Sergio Assisi con il thriller dai risvolti comici “L’Ispettore Drake e il delitto perfetto”. Personaggio surreale al servizio di un thriller surreale, l’Ispettore Drake racchiude in sé tutti i luoghi comuni del detective esasperati all’ennesima potenza, fino ad ottenere una miscela esplosiva e irresistibilmente comica. La sua lampante incompetenza, malcelata da un atteggiamento serioso e goffamente beffardo, è resa ancora più esilarante dall’accoppiata con il sergente Plod, il peggior assistente che un detective possa desiderare di avere al suo fianco quando si sta indagando su un omicidio! In questa fortunata commedia inglese si alternano continue e inaspettate gag e innumerevoli colpi di scena, trascinando lo spettatore in un universo goliardico dove tutto, ma proprio tutto può accadere, e dove ciò che è incredibile diventa magicamente plausibile. In questa fortunata commedia inglese, di cui l’autore è David Tristram, si alternano continue e inaspettate gag e innumerevoli colpi di scena, trascinando lo spettatore in un universo goliardico dove tutto, ma proprio tutto può accadere, e dove ciò che è incredibile diventa magicamente plausibile.

NOTE DI REGIA. Lo spettacolo nasce dalla volontà di rappresentare qualcosa di nuovo e di classico nello stesso momento. Una commedia inglese dall’inconfondibile humor surreale, che si amalgama con la comicità nazional popolare. L’idea è quella di dar vita a personaggi dichiaratamente eterogenei per dialetto. Dal napoletano al milanese, passando per il romano. Una sorta di spettacolo multietnico, che prova a sfruttare le comicità regionali, sulla base di una provata e internazionale ironia british. Protagonista della storia non è un “semplice” delitto da risolvere, ma il gioco complesso e matematico del teatro nel teatro, l’abbattimento della quarta parete, e finzione che si mischia a realtà. Attori che escono fuori dal personaggio e personaggi che giocano ad essere attori. L’ambientazione classica di un salotto inglese, ma ricco di elementi folli, porta lo spettatore fin dall’inizio in una nuova dimensione, resa confortevole dalle più classiche trovate sceniche. Una prima esperienza di regia teatrale, ambiziosa ma non troppo, con la quale provare a creare un nuovo stile identificativo.

Può la stupidità vincere sul genio del male? Può il genio prendersi gioco del comune essere umano senza pagare le conseguenze della propria vanità?

Con la partecipazione di

Alberto Beretta (Sergente Plod), Emanuele Losa (Dottor Short), Dario Di Palma (Ispettore Drake), Ilaria Bologna (Sabrina), Danila Colombi (Miss Short), Giulia Satollini (Tenente Ellis), Eleonora Cattaneo (Miss Drake)

Luci: Manuel Izzi – Suoni: Carlo Ferrara – Assistente di palco: Paola Primi – Costumi: Giulia Satollini – Scenografie: Nick Spacca – Nicola Stangatello
Sergio Assisi biografia

Nel 1998 l’esordio nel cinema come protagonista del film Ferdinando e Carolina di Lina Wertmuller che lo sceglie tra tremila provinati per il ruolo di re Ferdinando IV di Borbone, per il quale viene candidato al Globo d’Oro come migliore attore.

Nel 2000 gira, sempre da protagonista, il film commedia L’uomo della fortuna, per la prima volta ha l’occasione di recitare con l’attore americano Burt Young.

Nel 2001 è co-protagonista del film L’attentatuni L’attentatuni, nel ruolo di un investigatore antimafia.

Nel 2003 gira il film Ics – L’amore ti dà un nome, nel ruolo di un ambiguo malavitoso.

Nel 2004 è co-protagonista del film Guardiani delle nuvole che vince il Cairo International Film Festival.

Nel 2005 nel ruolo del cattivo antagonista- barone Nicola di Conegliano, gira la seconda parte della seguitissima serie di Elisa di Rivombrosa.

Nel 2006 con il film Amore e libertà – Masaniello, sulle gesta del capopopolo napoletano Tommaso Aniello D’Amalfi. Vince il premio come migliore attore protagonista al Festival del Cinema di Salerno.

Anche per il piccolo schermo dà vita a diversi personaggi, passando con disinvoltura dai ruoli in costume a quelli contemporanei. Interpreta ruoli drammatici come in Graffio di tigre, una miniserie ambientata durante la guerra di liberazione, ruoli brillanti , come il più famoso Umberto nelle prime due stagioni della fortunata serie Capri. Riveste sia ruoli negativi, come l’arrivista cancelliere Funelli nella miniserie Assunta Spina, che positivi, come Antonio, il protagonista di Mannaggia alla miseria di Lina Wertmuller.

Nel 2008, insieme al fratello Dario, pubblica con la Mondadori Spazza Napoli, libro fotografico che racconta l’ironia e il genio creativo del popolo napoletano, e, nel 2009, San Giuseppe, facci vincere lo scudetto fino al 3000, una raccolta delle più divertenti richieste di grazia dei napoletani.

Nel 2010 prende parte alla miniserie Le ragazze dello swing, ispirata alla storia del Trio Lescano.

Gira, da protagonista, la serie mistery Zodiaco – Il libro perduto, e interpreta Il commissario Nardone nell’omonima serie ispirata alla storia vera del commissario di polizia che nell’Italia post-bellica divenne un punto di riferimento nella lotta alla criminalità.

Nel 2012 è nel cast dell’ottava edizione di Ballando con le Stelle, e pubblica il suo terzo libro, Strapazza Napoli, ironico diario fotografico della città partenopea.

Sempre nel 2012 gira il film commedia C’è sempre un perché, una coproduzione Italia-Cina.

A settembre 2013, pubblica il suo primo romanzo Quando l’amore non basta, edito da Cairo editore.

Nel 2014 gira il film Io e mio fratello, una commedia diretta da Alessio Maria Federici.

Nel 2015 con la sua casa di produzione Quisquilie Production produce una commedia teatrale in tournèe in tutta Italia Oggi sto da Dio, di cui è coautore e interprete.

Gira la serie tv per Mediaset Rimbocchiamoci le maniche, per la regia di Stefano Reali, al fianco di Sabrina Ferilli.

Il 1 ottobre 2015 esce al cinema il suo primo film da regista, A Napoli non piove mai, di cui è produttore, autore e interprete.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.