Quotidiano di informazione campano

TORNA IL TERRORE IN FRANCIA, ALMENO 4 MORTI A STRASBURGO

Sparì nel centorico della città dove ha sede il Parlamento Europeo in quel momento riunito in sessione plenaria come dichiara il presidente Antonio Tajani. I colpi d’arma da fuoco uditi per tutto il centro storico sono avvenuti presso i tradizionali mercatini di Natale superaffollati specialmente in questo periodo. Il killer ha sparato all’impazzata sulla folla uccidendo 4 persone e ferendone più di 11. Il bilancio è ancora provvisorio mentre scriviamo dichiara la prefettura di Bas-Rhin. La zona è blindata appunto per la presenza del Palazzo che ospita il Parlamento Europeo. Mobilitati i servizi di sicurezza e l vari soccorsi.
Il presunto killer avrebbe 29 anni ed è noto per reati comuni ma giá schedato come ‘radicalizzato’ islamico, mentre scriviamo é ancora in fuga anche se già è stato individuato dalla Polizia francese. Non avrebbe dato esito l’operazione di polizia nel quartiere di Neuforf della città francese, dove l’uomo sembrava lì forse asserragliati. Intanto il sindaco di Strasburgo riferisce di una seconda operazione a Place Briglie e di un “secondo sospettato” che sarebbe implicato nella sparatoria.
Intanto il presunto attentatore, come abbiamo detto, era già stato identificato come elemento ‘radicalizzato” ma sarebbe un ‘lupo solitario’. Lo riferisce il sito Nouvelles D’Alsace, specificando che il suo dossier era segnato con la ‘S’ che indica, appunto, i radicalizzato islamici.
L’uomo, prima di essere segnalato come ‘radicalizzato’ era già stato in carcere per reati comuni. Sarebbe stato identificato con il nome di Cherie C. Doveva essere arrestato il giorno stesso della sparatoria.
Intanto vi sono testimonianze di alcuni europarlamentari come la Mussolini  e Buonafè che confessano che sono rimaste barricate in pizzerie del centro mentre fuori c’era la caccia all’uomo mentre altri europarlamentari si sono rifugiati all’interno di portoni per sfuggire al killer. Il Presidente dell’Europarlamento Tajani era all’interno dell’Europarlamento in quanto era in corso una sessione plenaria e attraverso un sms ha ordinato che nessuno potesse uscire o entrare finchè l’allarme non cessasse.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.