Quotidiano di informazione campano

TRAGEDIA DI CORINALDO, SALVINI PROPONE L’ARRESTO DI CHI USA BOMBOLETTE SPRAY,

CRONACA BRAVO A SALVINI

L’Italia e ancora sotto choc per l’assurda tragedia di Co Ronaldo (Ancona) in cui 5 ragazzi tra gli 11 e 14 anni è una madre di 39 sono morti schiacciati a causa di una terra provocata da un cretino minorenne di 16 anni che avrebbe spruzzato dello spray al peperoncino da una bomboletta fatta entrare inspiegabilmente nel locale sovraffollato oltre il consentito. Il giovane, che addosso aveva anche dosi di cocaina, è stato fermato e con lui sono stati fermati anche due maggiorenni sulla ventina d’anni il cui ruolo come quello del giovane minorenni sono al vaglio degli inquirenti. Intanto si scopre che questo locale aveva un’uscits di sicurezza molto stretta che era sbarrata al momento dei fatti e una rampa tutta in discesa che avrá provocato la caduta dei ragazzi che sfuggivane sll’odore aver del peperoncino spruzzato che provoca bruciore agli occhi, alla gola e asfissia. Questo panico ha provocato la caduta dei ragazzi e chi é rimasto sotto é rimastro schiacciato anche dal crollo della balaustra che ha ulteriormente  alimentato il dramma delle 6 vittime e una quindicina di feriti gravi di cui alcuni, le cui condizioni sono migliorate rispetto a ieri.
Ma la notizia dell’ultima ora è che il ministro Salvini ha proposto di rivedere il codice penale prevedendo l’arresto di coloro, anche minorenni che sono in possesso di bombolette spray al peperoncino. Ma bisognerebbe anche punire chi produce queste bombolette e i rivenditori che li consegano a minori. Ed è grave apprendere che questi bulli usano questo spray per molestare le ragazze, fare qualche scippo di collana, come si ipotizza nel caso dell’altra sera o rubare qualche telefonino. Intanto nelle ultime 24 ore nel Vallo di Diano (SA) sono state chiuse due discoteche in quanto erano state venduti più biglietti del dovuto e ina scuola della provincia di Pavia è stato spruzzato gas urticante all’indirizzo di alcuni ragazzi che sono  dovuti ricorrere in codice verde al pronto soccorso per bruciore agli occhi e gola.
Con la tragedia di Cordigliano si scopre che c’è un’emergenza in cui bisogna regolamentare questi titrovi, controllare ciò che entra e certamente non lo possono fare i cosiddetti buttafuori facilmente influenzabili essendo dipendenti dei gestori del locale. Regolamentare da parte della Siae l’uso e stampa del biglietti, qualcuno dice abolendo il cartaceo e favorendo quello elettronico. Questo anche per scongiurare il biglietto abusivo e i bagarini che ne producono, come negli stadi più del dovuto. Infatti nella discoteca della tragedia che qualcuno a paragonato a ‘mattatoio’ per Fini di lucro e di alimentare la cassa sono stati venuti oltre il dovuto.                         Incolla Valeri

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.