Quotidiano di informazione campano

TUTTO SUL CORONAVIRUS IN ITALIA 197 MORTI

AGIORNAMENTI FINO AD IERI

Ore 6.18 – Due morti in Florida, uno era rientrato dall’estero. Lo ha reso noto il dipartimento della Sanità dello Stato. Si tratta una persona sulla settantina rientrata da un viaggio all’estero che era risultata positiva ai test nella contea di Lee. L’altra vittima è un residente nella contea di Santa Rosa che già soffriva di problemi di salute. Il numero di decessi causati dal virus negli Usa sale così a 16.

Ore 5.15 – Cina, il costo miliardario del mancato export. L’epidemia del coronavirus è costata alla Cina un deficit commerciale di 7,09 miliardi di dollari a gennaio-febbraio, mancando le attese dei mercati di un surplus di 24,6 miliardi. Oltre all’export, che nello stesso periodo è sceso del 17,2% annuo (a fronte di una stima a -14,2%), il calo dell’import si è fermato al 4% (rispetto ad un previsto -15%).

Ore 2.43 -In Corea del Sud accertati altri 483 contagiati. La Corea del Sud ha registrato solo nella giornata di venerdì 6 marzo 483 nuovi casi di infezione da coronavirus, portando il totale su scala nazionale a 6.767. Lo riferisce il Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc), secondo cui i decessi sono 42.

Ore 1.52 – Aumenta il numero dei contagi negli Usa. Sono saliti a 282 i casi di infezione da coronavirus negli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn, citando dati dei Centri federali per il controllo delle malattie e prevenzione. Di questi casi, 49 riguardano persone di ritorno da un viaggio all’estero, mentre 233 sono le persone contagiate senza aver lasciato il Paese. Gli Stati in cui si è registrato almeno un caso sono 23. Di questi, tre hanno proclamato lo stato d’emergenza: Washington, California e lo stato di New York.

Ore 1.45 – In Cina altri 28 morti, guarigioni sfiorano il 70% dei casi. In Cina venerdì 6 marzo sono morte altre 28 persone per l’epidemia di coronavirus, portando così il bilancio nazionale a 3.070 decessi. Sono stati accertati inoltre 99 nuovi casi di contagio, secondo la National Health Commission, di cui 74 nella provincia dell’Hubei, epicentro dell’epidemia. La Cina ha registrato, includendo i dati di ieri, un totale di 80.651 contagi, le guarigioni sono salite a 55.404, sfiorando il 70%.

Ore 22.33 – Ipotesi indennità 100% per genitori con redditi bassi
Congedi «special» in tre fasce, le stesse del bonus asilo nido, per venire incontro ai genitori che con i figli a casa da scuola a causa dell’emergenza Coronavirus: si tratterebbe di permessi retribuiti al 100% per uno dei due genitori se il reddito Isee è sotto i 25mila euro, si scende al 70% per Isee fino a 40mila euro e al 50% per chi supera questa soglia. Il permesso non sarebbe riconosciuto se si può ricorrere allo smart working.

Ore 22.22 – Maldive chiudono a chi arriva dall’Italia
Le Maldive, «nell’ambito delle misure adottate per la prevenzione del contagio da Covid-19, hanno annunciato il divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti dall’Italia a partire dalla mezzanotte di sabato 7 marzo». È quanto si legge sul sito Viaggiare Sicuri curato dalla Farnesina. Le autorità locali, secondo quanto riferito, «hanno disposto inoltre il divieto di sbarco per le navi da crociera».

Ore 21.57 – Spadafora chiede partite in chiaro, la Lega Serie A: non è possibile
La serie A riparte, a porte chiuse, con i recuperi della 7/a giornata di ritorno e il ministro per lo Sport, Vincenzo Spadafora scrive alla Figc chiedendo la trasmissione in chiaro degli incontri. Ma a stretto giro arriva il «no» della Lega di A che «pur comprendendo e condividendo le finalità alla base della richiesta», sottolinea che le norme in vigore e gli obblighi contrattuali già assunti, «non consentono di potervi aderire» (qui tutti i dettagli).

Ore 21 – L’Austria pronta a provvedimenti restrittivi
Da lunedì 9 marzo 2020 è presumibile che il Governo austriaco emani provvedimenti restrittivi in relazione ai transiti da e per l’Italia.
In particolare:
– sospensione voli da e per Milano, Venezia e Bologna;
– istituzione di controlli a campione alle frontiere terrestri (Brennero e Tarvisio), con verifica della temperatura per coloro che provengono da Lombardia e Veneto.

Ore 20.32 – Speranza, nessun commissariamento Regioni
Il ministro della Salute: «È del tutto infondata la notizia di un commissariamento delle Regioni: lavoriamo gomito a gomito con le Regioni» nella gestione dell’emergenza». Secondo alcune fonti una misura del genere sarebbe stata prevista nella bozza del nuovo dl.

Ore 20.31 – Seychelles negano attracco a nave Costa
Dopo il no del Madagascar, a causa degli italiani a bordo, Costa Fortuna ha ricevuto il rifiuto anche dal Porto di Praslin, alle Seychelles. «Purtroppo l’autorità portuale di Praslin ha informato la compagnia della indisponibilità della banchina per questo scalo non pianificato», dice la compagnia. «Costa Crociere sta lavorando per anticipare l’arrivo a Reunion previsto da itinerario per l’11 marzo».

Ore 20.28 – Positivo un poliziotto della scorta di Salvini
Il leader leghista ha dichiarato: «Sto bene, non siamo mai stati a contatto».

Ore 19.52 – Iss: la letalità per età in Italia è minore di quella in Cina
In Italia al 4 marzo la letalità (calcolata come numero di decessi sui casi confermati) tra gli over 80 risulta del 10,9%, mentre in Cina al 24 febbraio (ultimo dato disponibile, estratto dal report della commissione congiunta Cina-Oms) era del 14,8%. Tra 70 e 79 anni il confronto vede l’Italia con una letalità del 5,3%, mentre la Cina ha l’8%, e tra 0 e 69 è 0,5% nel nostro paese contro l’1,3% cinese. Per quanto riguarda la letalità in generale, al 4 marzo in Italia risultava del 3,5%, mentre in Cina al 24 febbraio era del 2,3%.

Ore 19.36 – Positivo il prefetto di Brescia
«Sto benissimo, si tratta di un contagio asintomatico – ha detto il prefetto di Brescia Attilio Visconti confermando la sua positività al Coronavirus – Sono in totale isolamento ma continuerò a gestire la struttura della Prefettura. Sono sempre a completa disposizione di tutti i sindaci del territorio» (qui l’articolo con tutti i dettagli).

Ore 19.25 – Morto 46enne nel Casertano: positivo ai test
L’uomo, 46 anni, di Mondragone, era arrivato al pronto soccorso dell’ospedale di Sessa Aurunca la scorsa serata con una crisi respiratoria in corso. I medici erano riusciti a stabilizzare i parametri respiratori, ma poi ha avuto poco dopo un’altra crisi ed è deceduto. Dalla Tac era emersa una polmonite in corso: il tampone è stato fatto post mortem e il risultato è positivo. L’Asl di Caserta ha disposto la quarantena per medici e infermieri, circa 15 persone, che hanno assistito l’uomo. Quarantena anche per i familiari più stretti del 46enne.

Ore 18.50 – Altre zone rosse in Lombardia? «Stiamo valutando»
Altre zone rosse in Lombardia? «Stiamo valutando, c’è un incremento dei casi in alcune aree». È quanto affermato dal professor sandro Brusaferro dell’Istituto Superiore di sanità. In predicato per un inasprimento delle misure di isolamento sono alcuni comuni della provincia di Bergamo; l’ipotesi era stata caldeggiata anche dalla Regione lombardia.

Ore 18.00 – In Italia altri 778 malati in 24 ore
Sono saliti a 4.636 i contagiati dal coronavirus in Italia, 778 in più rispetto a ieri. Il dato è stato comunicato dalla protezione Civile. I pazienti deceduti salgono a 197 (contro i 148 di 24 ore fa) e i guariti a 523 (erano 414). Il trend di diffusione della malattia resta superiore al 20%, dato costante dall’inizio di marzo.

Ore 17.20 – Contagiati 150 medici di famiglia
«Abbiamo già circa 150 medici di famiglia in quarantena, in isolamento o ricoverati, in diverse province italiane. E vista la difficoltà, in questo momento, di trovare chi li sostituisce, per ognuno di loro restano potenzialmente circa 1.500 cittadini senza punti di riferimento sanitario sul territorio. Ovvero oltre 200.000 in tutta Italia». A dirlo all’ANSA è Silvestro Scotti, segretario della Federazione dei Medici di Medicina Generale (Fimmg)

Ore 16.45 -Onorificenza di Mattarella a Gennaro Arma
«In considerazione del suo esemplare comportamento, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in data di ieri, ha conferito motu proprio l’onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica Italiana al Comandante della Diamond Princess Gennaro Arma». Lo comunica il Quirinale in una nota. Gennaro Arma era stato l’ultimo a scendere dalla nave da crociera bloccata in Giappone e sulla quale era scoppiato un focolaio di coronavirus. Attualmente si trova in quarantena in Giappone. L’onorificenza gli è stata conferita «in considerazione del suo esemplare comportamento»

Ore 16.30 -Moody’s vede l’Italia in recessione
«L’economia italiana è probabilmente in recessione». Lo scrive Moody’s prevedendo una probabile contrazione del Pil nel primo trimestre, e tagliando – nello scenario di base dell’evoluzione del coronavirus – a -0,5% la stima di crescita per il 2020, dal precedente +0,5%. Nello scenario peggiore, che prevede un impatto più prolungato del coronavirus, la stima per l’economia italiana arriva a -0,7%.

Ore 16.25 – Emergency: «A disposizione della Regione Lombardia»
Emergency è a disposizione, con i suoi medici, di Regione Lombardia per l’emergenza sanitaria legata al Covid-19. «Abbiamo sentito questa mattina i vertici della Regione Lombardia e abbiamo offerto la nostra disponibilità a collaborare nella gestione dell’epidemia di Covid-19. Possiamo mettere a disposizione delle autorità sanitarie le competenze di gestione dei malati in caso di epidemie, maturate in Sierra Leone nel 2014 e 2015 durante l’epidemia di Ebola», sottolinea l’associazione umanitaria.

Ore 16.15 – «In Germania focolai come in Italia »
In Germania «abbiamo più focolai» di Covid-19, «ma la maggioranza dei casi non è più importata dall’Italia, dalla Cina o dall’Iran o da altri Paesi. Possiamo paragonare la nostra situazione a quella dell’Italia e a quella della Francia». Lo ha spiegato il ministro della Salute tedesco Jens Spahn, durante il Consiglio straordinario a Bruxelles». «Prendere misure alla frontiera, come negli aeroporti, non permette di contenere la malattia. Per questo in Parlamento ho detto che l’epidemia è ormai arrivata in Germania», ha concluso il politico della Cdu.

Ore 16.00 – Anche Piazza Affari giù del 3,5%
Piazza Affari in ulteriore calo dopo le prime fasi molto negative di Wall Street: le parole di Donald Trump che ha esortato la Fed a tagliare ulteriormente i tassi di interesse non hanno sortito al momento un effetto positivo, anche se il presidente Usa si è detto convinto che i mercati rimbalzeranno. Il All Share al parziale delle 16.15 perde il 4,01% a quota 20.690 punti; All Share -4,05%. Alla chiusura l’indice è stato di -3,5%.

Ore 15.40 – New York: «Isolamento per chi arriva dall’Italia»
Il sindaco di New York Bill de Blasio ha chiesto a chi rientra nella Grande Mela da Cina, Iran, Italia e Corea del Sud di «autoisolarsi per 14 giorni in via precauzionale» contro il coronavirus. Gli ultimi dati diffusi ieri dicono che i casi a New York sono saliti a 22. Analoga misura è stata adottata dal sindaco di Mosca.

Ore 15.30 – Wall Street apre in «profondo rosso»
Wall Street apre in profondo rosso per la paura del coronavirus. Il Dow Jones perde il 2,54% a 25.457 punti, lo S&P il 3,06% a 2.931 punti e il Nasdaq del 2,8% a 8.505 punti. I listini scendono in picchiata nonostante i buoni dati del mercato del lavoro, che a febbraio vedono una crescita di 275.000 occupati, superiore alle attese, e nessun impatto visibile del coronavirus.

Ore 15.00 – Lodi, 30 denunce per violazione della«zona rossa»
Sono una trentina i denunciati per violazione della zona rossa nel Basso Lodigiano, da quando è stata istituita il 24 febbraio. Si tratta di persone che pur avendo avuto l’obbligo, per decisione governativa, di non lasciare la zona, hanno comunque tentato di abbandonarla. Il procuratore della Repubblica di Lodi Domenico Chiaro sottolinea che «è bene ricordare che si tratta di una denuncia penale, quindi non si tratta di poca cosa».

Ore 14.45 – La procura di Bari indaga sulle fake news
La Procura di Bari ha aperto un’indagine per procurato allarme con riferimento ad alcune fake news diffuse su whatsapp e su un sito on line su falsi casi di coronavirus. L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Roberto Rossi, è al momento a carico di ignoti. Nel fascicolo sono confluite segnalazioni fatte da cittadini alla Polizia postale, ai Carabinieri di Modugno e alla Questura di Bari. Tre i casi sui quali saranno avviati accertamenti

Ore 14.25 – A Milano rapinatore con mascherina chirurgica
Con il volto coperto da una mascherina chirurgica e un cappellino da baseball, si è fatto consegnare l’incasso di 1.500 euro: è successo ieri, verso le 18.50 nella farmacia comunale di via Gioacchino Murat a Milano. L’uomo, descritto dalle come italiano, ha minacciato le due dipendenti presenti con un coltello.

Ore 13.45 – Barcellona-Napoli si gioca a porte aperte
Si giocherà a porte aperte la gara di ritorno degli ottavi di Champions League tra Barcellona e Napoli in programma mercoledì 18 marzo al Camp Nou, ad annunciarlo il ministro della Salute spagnolo, Salvador Illa: « Abbiamo deciso di chiudere gli stadi solo per le gare che prevedono l’ arrivo di persone dalle zone a rischio ma non è questo il caso. Barça-Napoli può essere disputata regolarmente visto che ad oggi Napoli non fa parte della zona a rischio».

Ore 13.35 – Liguria: bonus baby sitter da 500 euro
«500 euro a famiglia, una tantum, per mamme e papà che lavorano: ecco un primo aiuto che come Regione Liguria abbiamo deciso di varare subito, per sostenere i tanti liguri costretti a ricorrere a baby sitter con le scuole chiuse per il coronavirus. Una scelta obbligata per non lasciare soli mamme e papà che devono andare a lavorare. Non tutti possono contare sul prezioso supporto dei nonni, a cui va il nostro ringraziamento». Lo scrive il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti, sulla sua pagina facebook.

Ore 13.30 – Germania sconsiglia viaggi nel Nord Italia
Nuove misure da parte di Stati esteri nei confronti dell’Italia. Il ministero degli esteri della germania ha sconsigliato oggi viaggi e soggiorni in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Alto Adige. La Georgia ha invece sospeso tutti i collegamenti aerei con l’Italia.

Ore 13.00- Gallera: «Evitate lo shopping a Milano»
«Oggi dobbiamo rendere rarefatta la nostra vita sociale, quindi chi deve venire a fare shopping in corso Vittorio Emanuele a Milano… Non ci venga». Lo dice l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera, intervenuto durante la trasmissione televisiva `L’Aria Che Tira´ Su La7. L’invito di Gallera, condiviso anche dal virologo Fabrizio Pregliasco, e’ infine quello di evitare di andare in ospedale per questioni non urgenti.

Ore 12.50 – Speranza: «Più coordinamento nella Ue»
I contatti degli ultimi giorni tra ministri europei della Salute hanno dimostrato che serve un maggiore e veloce coordinamento europeo per raggiungere degli obiettivi contro il Covid-19. Obiettivi come il tempestivo funzionamento del meccanismo di protezione civile europeo e del comitato di sicurezza sanitaria, l’acquisto centralizzato di apparecchiature e materiali e una loro rapida distribuzione a partire da aree con piu’ esigenze, un piu’ efficace e tempestivo scambio di informazioni. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante i lavori del Consiglio Salute dell’Unione europea.

Ore 12.45 – Il mercato del libro cala del 25 per cento
Meno 25 per cento in media, con punte del 50 per cento e oltre in Lombardia, Veneto ed Emilia. Questa la prima fotografia dell’impatto dell’emergenza sanitaria da coronavirus sul mondo e sul mercato del libro.

Ore 12:38 – Rinviate Milano-Sanremo e Tirreno-Adriatico
La Tirreno-Adriatico (in programma dall’11 al 17 marzo) e la Milano-Sanremo del 21 marzo, sono state rinviate a data da destinarsi. Rinviato anche il Giro di Sicilia, altra gara ciclistica a tappe che era in programma dal primo al 4 aprile.

Ore 12.31 – Alle 18 una riunione del Consiglio dei ministri
È prevista per oggi alle 18 una riunione del Consiglio dei ministri. A quanto si apprende, all’attenzione dell’esecutivo arriverà un decreto legge che dovrebbe disporre restrizioni all’attività dei tribunali a fronte dell’emergenza Coronavirus.

Ore 12.28 – Superati i 100 mila casi nel mondo
I casi di coronavirus accertati nel mondo sono ora 100.001. Le vittime sono 3.405. Il dato è stato confermato dall’Oms.

Ore 12.11 – Cento scuole chiuse in Francia
Chiusura di un centinaio di scuole nel dipartimento dell’Alto-Reno, nell’est della Francia, in seguito al boom di casi di coronavirus, con 81 contagi confermati in appena 48 ore: è quanto annunciato dalle autorità di zona. Nel dipartimento dell’est della Francia viene inoltre decretato il divieto di contatti «tra giovani e persone anziane» nonché il divieto di «raduni di oltre 50 persone».

Ore 12.10 – Altri 17 morti in Iran
Si aggrava ancora il bilancio dell’epidemia di coronavirus (Covid-19) in Iran. Il ministero della Salute di Teheran ha comunicato stamani altri 17 decessi nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 124. Il numero dei contagiati è salito a 4.747, con oltre 1.200 nuovi casi in un giorno.

Ore 11.05 – Mosca ordina isolamento a chi arriva da Italia
Il sindaco di Mosca, Sergey Sobyanin, ha ordinato l’introduzione di un «regime di alta allerta» nella capitale russa, a causa della diffusione del nuovo coronavirus, secondo un decreto pubblicato sul sito ufficiale e ripreso dai media russi. La misura ordina a chi torni da Italia, Cina, Corea del Sud, Iran, Francia, Germania e Spagna, di segnalare il rientro e porsi in auto-isolamento in casa per 14 giorni. Il sindaco ha anche dato ordine di creare un ospedale apposito.

Ore 11.00 – Contagi in calo, Wuhan chiude ospedale d’emergenza
A Wuhan, epicentro dell’epidemia di coronavirus, è stato chiuso oggi il secondo ospedale predisposto per contenere la diffusione. Alle 16:30 ora locale di Pechino, l’ultimo gruppo di 21 pazienti è stato dimesso dalla struttura ospedaliera nella zona di Guanggu. Il primo ospedale era stato chiuso il 2 marzo scorso. Secondo quanto riferito dall’emittente statale cinese «Cctv», la chiusura aveva coinciso con un forte declino dei nuovi casi nella provincia di Hubei e nella capitale provinciale Wuhan. La città aveva creato 16 ospedali temporanei, aggiungendo 13 mila posti letto.

Ore 10.55 – Phuket vieta l’attracco a Costa Fortuna
Attracco vietato a Phuket per la nave da crociera Costa Fortuna che ha 64 italiani a bordo «tutti sani», dice la compagnia. La Thailandia ha imposto restrizioni a causa del coronavirus allo sbarco di italiani che siano stati nel nostro Paese negli ultimi 14 giorni. La nave, comunica la compagnia, è ripartita in navigazione verso la Malesia. Anche il Madagascar ha imposto restrizioni e Costa Mediterranea ha cambiato itinerario dirigendosi alle Seychelles.

Ore 10.45 – La Cina annuncia test sui vaccini
A partire da aprile inizieranno i test clinici su alcuni vaccini contro il coronavirus. Lo ha annunciato un funzionario della Commissione Nazionale per la Sanità di Pechino, Zheng Zhongwei, nel corso di una conferenza stampa, aggiungendo che sono otto gli istituti in Cina che stanno lavorano allo sviluppo dei vaccini attraverso cinque percorsi diversi e che in molti casi si è già allo stadio dei test sugli animali. «Il nostro obiettivo è assicurare che il vaccino contro il nuovo coronavirus possa essere messo in uso il prima possibile», ha dichiarato Zheng.

Ore 10.45 – Una nave fermata a Napoli
Una nave proveniente da Genova è stata bloccata nel porto di Napoli con a bordo nove membri dell’equipaggio che manifestano sintomi ipoteticamente riconducibili al coronavirus. Si attendono i controlli medici per verificare la situazione. Lo si apprende da fonti dell’autorità portuale di Napoli. La nave, secondo le prime informazioni, è ferma nell’area della Nuova Meccanica Navale e ha a bordo 125 persone tra equipaggio e alcuni operai che erano saliti a bordo per effettuare delle riparazioni.

Ore 10.28 – Sempre bloccata a San Francisco nave da crociera
Restano bloccati a bordo tutti i 3.500 passeggeri della Grand Princess, la nave da crociera americana arrivata a San Francisco proveniente dal Messico. L’emergenza è scattata dopo che un passeggero 71enne, sbarcato da un precedente viaggio, è morto per l’infezione. Sono in corso i test sui viaggiatori e i componenti dell’equipaggio. I kit sono stati paracadutati sulla Grand Princess con un elicottero.

Ore 10.20 – «Impatto sul Pil mondiale: -0,4%»
Nuova stima sul calo del Pil mondiale dovuto al coronavirus. Tra calo della domanda interna e del turismo e le ricadute su offerta e salute, potrebbero ammontare a oltre 300 miliardi di dollari le perdite per l’economia globale, un dato che vale lo 0,4% del Pil mondiale. E’ la stima peggiore formulata in un rapporto dell’Asian Development Bank, basata su un protrarsi dell’emergenza fino alla fine di luglio. Nello scenario migliore – che prevede un rapido contenimento dell’epidemia entro la fine di marzo – le perdite sono previste a 77 miliardi di dollari, pari allo 0,1 per cento del prodotto interno lordo globale . Due terzi dell’impatto ricadono sulla Cina, dove l’emergenza è stata concentrata finora.

Ore 10.10 Primo caso di positività in Vaticano
Primo caso di positività al coronavirus anche in Vaticano. «Questa mattina sono stati temporaneamente sospesi tutti i servizi ambulatoriali della Direzione Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano per poter sanificare gli ambienti a seguito di una positività al Covid-19 riscontrata ieri in un paziente. Rimane però in funzione il presidio di Pronto Soccorso. Nel frattempo sono stati avviati i protocolli sanitari previsti». Lo riferisce il portavoce vaticano Matteo Bruni. Anche la Santa Sede ha adottato una stretta sugli eventi pubblici alla luce di uno studio ad hoc : «Rispettare la distanza di un metro».

9.56 – In Piemonte 135 casi positivi
Sono 135 le persone risultate positive in Piemonte al test sul coronavirus che causa la Covid-19. Secondo quanto rende noto la Regione, 47 sono in provincia di Asti, 31 nell’Alessandrino, 32 in provincia di Torino, 6 nel Verbano Cusio Ossola, 3 in provincia di Novara, 2 nel Biellese, 7 nel Vercellese, 2 a Cuneo e 5 provenienti da fuori regione. Ottanta persone sono tuttora ricoverate in ospedale. Di queste, 25 si trovano in terapia intensiva: 4 ad Asti, 8 a Torino, 2 a Orbassano, 3 a Vercelli, 5 a Tortona, 1 a Biella, 1 a Cuneo, 1 a Vercelli. Sono in isolamento domiciliare 52 persone. Tre le persone decedute. Finora sono 666 i tamponi eseguiti complessivamente in Piemonte, 445 dei quali risultati negativi (qui il bollettino ufficiale).

9.40 – Paziente infetto all’urologia del Sant’Orsola, mezzo reparto chiuso
Un paziente ricoverato e operato nei giorni nel reparto di urologia del Santorsola è risultato positivo al Covid-19. Aveva omesso di comunicare di essere stato nel piacentino. L’uomo, un 52enne, è stato ricoverato per un intervento di routine, ma dopo l’intervento ha cominciato a presentare i classici sintomi del coronavirus, tanto da spingere lo staff sanitario ad effettuare il tampone, al quale è poi risultato positivo. Immediate sono scattate le procedure del caso: fermati tutti i ricoveri e nuovi interventi chirurgici. La sala operatoria utilizzata per l’intervento è stata chiusa e bonificata. La parte del reparto dove l’uomo era ricoverato è stata interdetta mentre l’altra e sotto stretto controllo. Bloccate tutte le visite ai pazienti. Sottoposti a tampone tutto il personale medico e paramedico. Stretta osservazione medica anche per gli altri tre pazienti che erano con l’uomo in stanza (qui tutti gli aggiornamenti da Bologna).

9.35 – In Cina i morti sono 3.042
Sono ormai 3.042 i morti in Cina a causa dell’epidemia di nuovo coronavirus. Nel gigante asiatico, come confermato dalle autorità sanitarie di Pechino, i casi di infezione sono in totale 80.552 (23.784 pazienti ancora ricoverati, 53.726 dimessi dagli ospedali e guariti più le vittime). Gli ultimi dati della Commissione nazionale per la salute relativi alla giornata di ieri parlano di 143 nuovi casi confermati e di altre 30 vittime, una nella provincia insulare di Hainan e 29 nella provincia di Hubei, la più colpita dall’epidemia. Ieri 1.681 persone sono state dimesse dagli ospedali della Repubblica Popolare. Al 5 marzo la Cina segnala 36 casi «importati» in totale: 11 nella provincia di Gansu, quattro a Pechino e uno a Shanghai.

8.59 – Primo caso in Bhutan
Primo caso di coronavirus in Bhutan. Il ministero della Sanità ha confermato che un cittadino americano di 76 anni arrivato dall’India per turismo è risultato positivo ai test per la Covid-19. Secondo il giornale The Bhutanese, il turista è partito da Washington il 18 febbraio con la moglie 59enne ed è stato in India dal 21 febbraio al primo marzo per poi arrivare all’aeroporto internazionale di Paro il 2 marzo con un volo da Guwahati.

8.17 – La coppia di anziani positiva alle Molinette
Due anziani, marito e moglie, ricoverati all’ospedale Molinette nel reparto di medicina generale diretto dal professor Luca Scaglione sono risultati positivi al tampone per il coronavirus. La conferma è arrivata nella tarda serata di ieri dopo ulteriori accertamenti sui due, pare in seguito a un aggravamento delle condizioni dell’uomo, che sarebbe stato trasferito in rianimazione. Secondo quanto ricostruito, la coppia non ha comunicato ai medici di essere entrata in contatto con il figlio che vive a Lodi, uno dei focolai lombardi del contagio. Il reparto, in cui ci sono una trentina di letti, è chiuso già da questa notte. I malati sono stati trasferiti e i due anziani posti in isolamento. Ora però occorre ricostruire i loro contatti e i percorsi seguiti (qui l’articolo completo).

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.