Quotidiano di informazione campano

Tv. YouTube annuncia l’arrivo di nuovi canali online in Europa. E si prepara a traghettare pubblicità dalla tv tradizionale

0
La società controllata dal colosso Google ha ufficializzato il lancio di canali europei per Francia, Germania e Gran Bretagna. La programmazione dei nuovi programmi sarà estremamente variegata: si andrà dagli eventi sportivi ai contenuti musicali, da trasmissioni dentertainment a contenuti dinformazione.
Il progetto riguarderà la realizzazione di 60 nuovi canali (da aggiungersi ai 100 lanciati lo scorso anno), che avranno il compito di attrarre nuova utenza e ulteriori investimenti tramite un modello di produzione sempre più simile a quello prettamente televisivo. L’investimento destinato allespansione dei contenuti originali e professionali dovrebbe essere intorno ai 200 milioni di dollari, da sommare ai 100 milioni già impiegati al momento della partenza del progetto negli USA. A quanto pare, potrà essere unoccasione anche per gli editori, considerato che Google ha previsto un compenso per produrre propri canali dai diversi contenuti da inserire sulla piattaforma. L’attuale previsione contenutistica dovrebbe bastare a riempire i palinsesti per un anno, durante il quale i ricavi dalla pubblicità dovrebbero coprire i costi di produzione, consentendo così, a decorrere dal secondo esercizio, una suddivisione dei proventi tra i partner. L´espansione europea di YouTube coinvolge anche alcuni dei grandi produttori di contenuti come Endemol (Francia) e il gruppo francese Lagardère SCA, Reuters, Wall Street Journal, Fremantle, ma anche i proprietari dei canali tradizionali come Bbc e Discovery. Tra questi non compare lItalia, che pare non tarderà, in un futuro prossimo, a veder nascere prodotti autoctoni. Lintento di YouTube e dei suoi rivali online, come Yahoo, è quello di riuscire a spostare quote rilevanti della pubblicità dalla tv tradizionale. E gli osservatori del settore media ritengono niente affatto utopica tale transizione, sulla scorta del fatto che è aumentato il tempo che gli americani trascorrono guardando video online, con una speculare diminuzione di quello speso davanti alla tv. (V.V. per NL

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.