Quotidiano di informazione campano

Ucciso leader degli avvocati curdi Scontri in piazza a Istanbul

RADIO PIAZZA NEWS

0

Diyarbakir (Turchia), 29 nov. – Aveva appena finito di fare una dichiarazione alla stampa quando e’ stato raggiunto da una pallottola che gli ha trafitto un occhio, uccidendolo. E’ morto cosi’, nel sudest della Turchia, Tahir Elci, noto avvocato curdo, che a ottobre aveva difeso i ribelli del Pkk e per questo attendeva di essere processato.

L’agguato e’ avvenuto vicino a una moschea nel distretto di Sur, nella citta’ a maggioranza curda di Diyarbakir, capoluogo dell’omonima provincia. Elci, che era presidente del locale ordine degli avvocati, si trovava li’ assieme a una quarantina di attivisti per leggere un comunicato. Improvvisamente, ignoti aggressori hanno aperto il fuoco contro il gruppo e la polizia, hanno riferito alcuni testimoni, ha risposto immediatamente.
  Nella sparatoria che ne e’ derivata, ha precisato l’ufficio del governatore di Diyarbakir, hanno perso la vita Elci e un agente. L’avvocato e’ morto sulla scena per le ferite riportate all’occhio sinistro, come spiegato da fonti ospedaliere.

In 2mila in piazza a Istanbul, polizia usa lacrimogeni – Guarda foto

Nel distretto di Sur le autorita’ hanno decretato il coprifuoco mentre e’ iniziata la caccia ai responsabili dell’aggressione.
  “Questo incidente dimostra che la Turchia fa bene a combattere il terrorismo. Continueremo a combatterlo con determinazione”: ha commentato il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, accreditando la ricostruzione – effettuata dall’agenzia di Stato Anadolu – che a sparare siano stati i ribelli del Pkk.
  L’agenzia Dogan, invece, ha diffuso un video in cui si vede un uomo barbuto che spara al 49enne avvocato curdo nascosto dietro il minareto della moschea.

Elci era in attesa di processo per una sua intervista alla Cnn turca in cui sosteneva che il Pkk, considerato fuorilegge in Turchia e obiettivo di una strenua battaglia governativa, “e’ un movimento politico che ha importanti domande politiche e che gode di vasto supporto, anche se alcune sue azioni sono di natura terroristica”.
  Dichiarazioni che avevano suscitato una vasta eco e per cui rischiava fino a sette anni di prigione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.