Quotidiano di informazione campano

Un tuffo nel passato

0

Chi si ricorderà dei chioschi,quando si vendeva ancora l’acqua sulfurea nelle mmummarelle “anforette di creta”,farà un tuffo nel passato.Uno di questi personaggi rimarrà nei ricordi dei napoletani,ed era ‘a Nennella,deceduta alcuni anni fa.Esercitava il mestiere dell’acquafrescaia in via Ecce Homo,nei pressi di Mezzocannone.Il chiosco esiste ancora,ma non è più attivo ed è l’unico che ha tutte le caratteristiche di quelli esistenti nell”800.Leggetela amici miei,commentatela e condividetela tutti.Grazie sempre per la vostra collaborazione.
ACQUAIOLA ‘E LL’ ACCI OMO
Cu ’o scialle ‘ncopp’’e spalle e ‘o bastunciello,
Nennella è n’acquaiola ‘e stampo antico;
‘a nonna lle lasciaje ‘stu chiuschetiello,
ch’è nu pezzull’’e storia pe’’stu vico.
‘O vico ‘e ll’ Acci-Omo è vviecchio assaje,
è cchillu llà ca va a Miezucannone,
chi è vvicchiariello nun s’’a scorda maje,
ll’acqua zurfegna, acqua d’’o Chiatamone.
E io ca tengo tanta e ttanta sete,
cu ’e mmane a ccuoppo vaco a ‘sta surgente,
addò Nennella raccuntanne sceta,
tutt’’o ppassato dint’ a nu mumento.
“Comm’era fresca dint’’e mmummarelle,
mmiscate dint’’o ggiallo d’’e llimone…”
Nennella dice: “…Ma che ccosa bbella!
Tu nun ‘o ssaje, pecché tu si’ guaglione”.
“Veveva ll’avvocato e ‘o professore,
‘o furastiere,’o nobbele e ‘o pezzente;
se faticava sempe, a ttutte ll’ore,
ccà se fermava tanta e ttanta ggente”.
“Pe’ cchi teneva sete ‘e ‘na giustizia
pe’ cchi stutava ‘a famme cu ’e bbevute;
‘stu chiosco è stato sempe nu servizio,
e ppe’ ttant’anne òi nì, nce aggiu servute”.
Dint’ a ‘stu vicariello accussì stritto,
‘o chiosco d’’a Nennella è ffatt’apposta.
“Chist’è nu piezz’’e storia…” Me so’ dditto…
“E’’o monumento ‘e tutt’’a sete nosta!”

04/06/2016 ANTONIO RUGGIERO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.