Quotidiano di informazione campano

Vatileaks: Vallejo, ho passato documenti, ero pressato

0

Vatileaks 2: arrivano le prime ammissioni da monsignor Vallejo Balda che ha sostenuto un interrogatorio-fiume di tre ore.

“Sì, ho passato documenti ai giornalisti”, incalzato dalle domande dei promotori di giustizia, questa l’ammissione fatta da mons. Lucio Vallejo Balda nel processo. “Ha dato a Nuzzi l’elenco di 5 pagine con 87 password della sua mail alla Commissione Cosea?”. “Sì, ma avevo la netta sensazione che le possedesse già”. Nel suo interrogatorio in aula, che continuerà domani, Vallejo ha comunque descritto il clima di pressioni e condizionamenti che dopo il termine dei lavori Cosea subiva da Francesca Chaouqui.

Tra i motivi per i quali mons. Vallejo Balda temeva Francesca Immacolata Chaouqui anche il fatto che “lei mi aveva detto di essere il numero due dei servizi segreti italiani”. Lo ha detto nel corso dell’interrogatorio-fiume lo stesso prelato spagnolo nell’udienza del processo Vatileaks. Mons. Vallejo ha aggiunto che credeva di essere controllato.

Il giornalista Emiliano Fittipaldi, imputato al processo ha riferito di un clima teso tra Balda e la Chaouqui.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.