Quotidiano di informazione campano

VISCIANO, CONSIGLIO APPROVA L’ASSESTAMENTO DI BILANCIO

0

Visciano: con la sola astensione del capogruppo di opposizione, Giovanni Conte Ciro per “Visciano è tua”, il civico consesso vota l’assestamento di bilancio per spese inerenti l’edificio scolastico di via Corriole: 12.000 euro per la riparazione dei servizi igienici e un intervento pari a 6000 euro per intervento straordinario per la già ultimata ristrutturazione della chiesa Padronale di San Sebastiano Martire che il comune gestisce in comodato d’uso per 99 anni. Chiesa di proprietà della Curia di Nola. Luogo di culto inaugurato dalla precedente Amministrazione nonostante i lavori ancora in corso. Infatti, ha comunicato il sindaco Pellegrino Gambardella la “reinaugurazione, prevista per la festività di santa Lucia e sant’Agnello (13-14 dicembre) molto venerati a Visciano, slitterà al 20 gennaio, festa padronale di San Sebastiano. Rinvio dovuto a questioni di umidità dovuta a strutture confinanti private.
Assestamento, come sottolineato, votato dal gruppo di maggioranza e dal consigliere Carmine Salvatore Montanaro, nonché capogruppo di Lista Civica per Visciano. Mentre Conte per Visciano é tua si asteneva.
Nelle comunicazioni del sindaco vi é il “parere” che rafforza la presenza nelle commissioni consiliari permanenti dell’avvocato Conte in qualità di capogruppo. Entrambe le minoranze, rappresentate da Conte e Montanaro, hanno diritto “di far parte delle suddette commissioni”. All’inizio della consiloatura il consigliere Montanaro, in caso di voto pari, rivendicava il ruolo di membro permanente in qualità di consigliere anziano. In questo caso il presidente della commissione può esprimere il doppio voto, sempre in caso di parità.
Altro tema, nelle comunicazioni sindacali è la situazione irreversibile della Comunità montana “Partenio-Vallo di Lauro” della quale Visciano fa parte. “Per gli idraulici forestali stagionali – dice il sindaco – le risorse si riducono al lumicino e non si vede alcuna luce in fondo al tunnel”. Attualmente c’é un commissario ad acta con il compito, non facile, di gestire la sopravvivenza di un ente in liquidazione. Il consigliere Conte chiede un indagine delle autorità contabili per risalire ai responsabili del disastro. Un disastro “da risalire” alla nascita della marco comunità “Partenio Vallo di Lauro” e alle “assunzioni” spropositate di altri forestali da chi “presiedeva” prima dell’accorpamento la Vallo di Lauro e Baianese. L’avv. Conte denuncia che esisterebbe il pignoramento di beni mobili e di arredo dello stesso ente di Pietrastornina. Ci potrebbe essere, a breve, il commissariato dell’ente in quanto non si riesce a creare una maggioranza politica tra i sindaci. Il vicesindaco Soviero chiede la costituzione di un unità di crisi che agisca per trovare una soluzione per i tanti forestali di Visciano e del territorio. Ma per Conte, bisogna insistere per l’unione dei comuni montani. Si tratta fi un progetto di legge regionale licenziato nel giugno scorso dalla giunta Caldoro. Le comunità montane, ormai, sono enti dichiarati inutili dallo Stato é quindi in estinzione. I forestali, molti dei quali, la regione dichiara in esubero vanno gestiti e quindi scaricati ai comuni. A questi, il difficile ruolo, di salvarli o meno. É la politica e i politici trovare qualche soluzione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.