Quotidiano di informazione campano

Volevo rassicurare tutti: mio figlio Niccolò non è in pericolo di vita.

Lite fuori da una discoteca, il figlio di Simona Ventura ferito con 11 coltellate: quattro fermi in questura

Accoltellato fuori da una delle discoteche più famose di Milano per difendere un amico. Il figlio 19enne di Simona Ventura e di Stefano Bettarini è ricoverato al Niguarda dove è stato operato dopo esser stato ferito 11 volte con un coltello o un punteruolo a un centinaio di metri dall’Old Fashion, davanti a un chiosco notturno che vende panini. Dodici ore dopo l’aggressione quattro persone finiscono in stato di fermo in questura perchè sospettate di aver partecipato all’accoltellamento. La procura sta valutando la loro posizione.

I colpi lo hanno raggiunto al tronco, all’addome e a una mano. Niccolò Bettarini è stato soccorso intorno alle 5 del mattino in viale Alemagna e portato in codice rosso all’ospedale. Non è in pericolo di vita, come conferma anche sui social la mamma, ma la prognosi non è ancora stata sciolta. “Stanotte è arrivata la telefonata che nessuna mamma vorrebbe mai ricevere – ha detto anche la conduttrice – Per fortuna Niccolò è fuori pericolo”.Poco dopo la notizia dell’individuazione dei sospettati, i genitori di Niccolò, affidano a un comunicato stampa una dichiarazione: “Questa notte nostro figlio è stato aggredito da molte persone mentre cercava di difendere un amico. Fortunatamente le conseguenze non sono gravi, Niccolò si sta riprendendo velocemente, un miracolo viste le 11 coltellate inferte. Sperando che i colpevoli vengano presto assicurati alla giustizia, vogliamo ringraziare in primis la questura, le istituzioni e la meravigliosa squadra del pronto soccorso dell’ospedale Niguarda per esserci stati così vicini”.
Tutto è cominciato all’interno del locale dove il figlio di Simona Ventura è intervenuto per difendere l’amico da altri giovani con cui aveva avuto una lite alcune settimane prima. Dopo alcune ore, all’uscita dalla discoteca, lo stesso gruppo di giovani avrebbe minacciato l’amico di Niccolò Bettarini, ma lui si sarebbe frapposto ricevendo i nove colpi, il più grave gli ha reciso il tendine della mano. Gli amici del ragazzo, ascoltati dai poliziotti, avrebbero detto, a proposito degli aggressori: “Erano animali”.

Un altro ragazzo sentito in questura ha detto: “Si sono accaniti contro il ‘Betta’. Tre di loro mi sembravano drogati, avevano 30 o 40 anni”.

Niccolò è il primogenito della presentatrice tv e dell’ex calciatore, a sua volta già piccola celebrità dei social network. Bettarini, con altri amici, aveva trascorso tutta la serata nel locale. Dove, precisa il gestore Roberto Cominardi, il sabato sera era filato liscio e senza incidenti: “Abbiamo visionato le telecamere insieme alla polizia – racconta – e nelle riprese non c’è nulla che potesse far pensare o prevedere una rissa. Alla chiusura, abbiamo poi notato una lite in strada e avevo mandato la mia security a controllare, perché non vogliamo casini”. Le immagini di cui parla Cominardi si riferiscono all’ora precedente all’aggressione, il diverbio, invece, sarebbe avvenuto all’inizio della serata.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.